Per chi ha deciso di investire i propri risparmi nel trading online, il primo passo fondamentale è la scelta del broker giusto. Cosa si intende con broker giusto? In pratica la piattaforma in grado di assicurare ai propri utenti il massimo di garanzie sotto il profilo della sicurezza e una serie di servizi tali da consentire la giusta operatività.
Si tratta di standard che dovrebbero essere patrimonio comune di ogni operatore del trading online, ma i quali spesso e volentieri vengono disattesi, anche in maniera clamorosa. Basterebbe pensare ai tanti casi del passato più o meno recente in cui un broker infedele o disonesto ha apertamente danneggiato la propria clientela. Una situazione del resto fotografata dalle liste nere elaborate dalla autorità preposte al controllo dei mercati finanziari, nelle quali sono riportati i nomi di centinaia di piattaforme che andrebbero evitate accuratamente per evitare guai seri.

Plus 500: è sicuro

Tra i broker che hanno saputo farsi notare per la puntualità e la qualità dei servizi proposti ai propri traders, va ricordato in particolare Plus 500, presente sul mercato ormai dal 2008 e capace di calamitare ampi consensi non solo da parte dei traders, ma anche degli addetti ai lavori.
Gestito da Plus 500CY Ltd., per quanto concerne la sicurezza, Plus 500 è assolutamente inattaccabile, dall’alto delle certificazioni ottenute da parte di Cyprus Securities and Exchange Commission (CySEC), con il numero di licenza 250/14 e dell’Autorità della Condotta Finanziaria (FRN 509909).
Si tratta di un punto di partenza di non poco conto, in quanto proprio l’aver ottenuto queste licenze costringe la piattaforma a mantenere standard qualitativi molto alti e a rispondere per filo e per segno alle prescrizioni della normativa in materia, in particolare alla direttiva MiFID emanata dall’Unione Europea con il preciso scopo di tutelare i piccoli risparmiatori che si orientino verso i mercati finanziari.
In particolare, essendo regolata dalla CySEC, Plus500 CY Ltd. è uno dei membri di un fondo di compensazione varato al fine di proteggere i depositi dei clienti fino a 20mila euro nel caso di bancarotta del broker. Inoltre deve rispettare le regole relative alla separazione dei propri conti da quelli della clientela e rispettare le regole sulla composizione del capitale azionario, compresa la formazione di un’importante riserva di capitale obbligatorio
Va poi ricordato un altro dato molto importante, ovvero il fatto che Plus 500 sia quotato nella sezione AIM della Borsa Valori di Londra, ad ulteriore garanzia della propria serietà.

Plus 500: è affidabile

Per quanto riguarda invece l’operatività, Plus 500 è in grado di assicurare una lunga serie di servizi che possono facilitare notevolmente il commercio dei propri utenti.
A partire proprio dall’ambiente di lavoro su cui si svolgono giorno dopo giorno le operazioni. In tal senso va notato come Plus 500 non abbia adottato MetaTrader 4, la piattaforma più utilizzata in assoluto, preferendo invece presentare alla clientela un software proprietario, WebTrader, che si rivela estremamente competitivo, facendo leva proprio sulla grande semplicità d’uso che la caratterizza.
Per operare su WebTrader è naturalmente necessario aprire un conto e la scelta fatta da Plus 500 è stata quella di agevolare l’afflusso di clienti, ponendo il deposito minimo a quota 100 euro. Una scelta che se da un lato fa capire come si tenda ad allargare il giro della clientela, dall’altro permette comunque di mantenere una certa operatività, impedendo che le prime operazioni possano prosciugare l’account e impedire all’utente di continuare ad investire.


Altra caratteristica molto interessante di Plus 500 è il conto demo, che è illimitato, Ciò vuol dire che non ha scadenza e che quindi può a gioco lungo rivelarsi un vero e proprio strumento formativo, permettendo al trader alle prime armi di testare l’andamento dei mercati senza rischiare il proprio capitale (e ovviamente senza poter guadagnare, almeno sino a quando non effettuerà operazioni non più in modalità simulata, ma reale).
Per quanto riguarda invece gli asset su cui è possibile investire, essi sono al momento il Forex, le materie prime, gli indici, le criptovalute, le azioni e gli ETF. Per poter commerciare non è richiesta alcuna commissione, mentre gli spread sono del tutto in linea con quelli proposti dal mercato.
Altre caratteristiche che si riflettono positivamente sulla reputazione di Plus 500 sono poi la presenza di una formazione professionale in grado di aumentare in maniera esponenziale il livello di conoscenza dei traders e un servizio di assistenza preciso e puntuale. 

Plus 500: le opinioni

Esaurita la disamina delle caratteristiche di Plus 500, non resta che cercare di capire di quale tenore siano le opinioni sul broker. Per farlo, come al solito, basta fare un rapido giro d’orizzonte sul web, in particolare sui forum di discussione che vedono i traders scambiarsi opinioni e pareri sul mondo del trading online.
La prima cosa che balza agli occhi è proprio il ripetersi di pareri positivi da parte di chi afferma di operare con questa piattaforma. In particolare sono molti coloro che ritengono Plus 500 una piattaforma molto facile da capire, interpretare e quindi gestire. Non mancano però le segnalazioni sul blocco dei conti operato dal broker, ma in tal senso sembra di capire che si tratti di una reazione a pratiche scorrette portate avanti dal trader. Anche perché casi di questo genere, ove venisse verificata l’intenzione truffaldina di Plus 500 porterebbero all’immediata sospensione della piattaforma che, vale la pena di ricordarlo, muove una gran massa di soldi ogni giorno per effetto di oltre un milione di clienti sparsi in ogni parte del globo. Sembra in effetti complicato pensare che una massa così ingente di investitori abbiano deciso di aderire alle proposte di una piattaforma che porti avanti pratiche opache.

Categorie: Blog