Il trading online può essere portato avanti anche in automatico. Per poterlo fare, servono però dei software Forex specifici, che si basano su un algoritmo a sua volta strutturato su regole predefinite, chiamato ad immettere ordini sul mercato. Occorre cioè settarli in maniera che possano generare profitto e, solitamente, devono essere acquistati, con pagamento una tantum o sotto forma di abbonamento periodico. Una volta proceduto all’acquisto, è necessario soltanto installarli sul proprio pc e collegarli alla piattaforma che si intende utilizzare per il proprio commercio. Un programma di questo genere può aiutare in effetti il trader, si tratti di investitori alle prime armi oppure utenti esperti, cui consente di dare vita a più azioni in contemporanea sui vari mercati. Va però specificato come il trading automatico possa comportare dei problemi di non poco conto.

I problemi dei software Forex

Chi è solito operare con il trading automatico nel Forex, deve stare molto attento agli inconvenienti di carattere tecnico che possono sorgere nel corso delle operazioni. In particolare, anche il miglior software per il trading online può riservare i seguenti guai:
1) la caduta della connessione, cui si può ovviare essendo sempre presenti nel momento in cui dovrebbe avvenire l’ordine e quando esso si sviluppa;
2) il blocco dei feed, derivante dalla mancanza di aggiornamenti o di alimentazione con nuovi dati. In questo caso si può rimediare mettendo degli allarmi via chat, sms o e-mail programmati in modo da essere inviati dopo un certo numero di secondi per segnalare il pericolo. Per poterlo fare, è comunque necessario avere la possibilità di interagire in tempi brevissimi con la piattaforma, altro caso che presume una presenza fisica davanti al monitor costante;
3) il respingimento di un nostro ordine da parte della piattaforma, ulteriore caso che può essere risolto solo stando davanti al monitor.

Come scegliere il software

Quando si tratta di scegliere tra un software e l’altro, per fare trading automatico, occorre tenere nel debito conto alcuni elementi, tra i quali non si dovrebbe assolutamente trascurare:
– la velocità di esecuzione degli ordini;
– la possibilità di poter utilizzare i bot, tenendo in conto anche i requisiti minimi richiesti, soprattutto lo spazio di memoria;
– la presenza di servizi o funzioni (ad esempio gli stop loss) in aggiunta a quelle di base;
– il tipo di strategia di trading accettata dalla piattaforma.
Proprio in relazione a quest’ultimo punto, va sottolineato come alcuni broker non accettino l’utilizzo dei programmi che vanno a fare le proprie scelte in piena autonomia, in tutte le operazioni di investimento.

Quali sono i migliori software Forex

Quali sono i migliori software per il Forex automatizzato? Il primo programma da menzionare è sicuramente Binary Speedbot, utilizzato da OptionWeb, caratterizzato dalla grande semplicità di utilizzo che è la diretta conseguenza del completo automatismo di alcuni elementi.
Any Option propone invece Real Binary Boot, il cui download è totalmente gratuito, un applicativo che provvede ad avvertire il trader della presenza sul mercato di alcuni segnali importanti, anche tenendo conto dell’analisi tecnica condotta in via preliminare.
Anche Option Navigator si è fatto apprezzare dai traders per la particolare precisione nell’individuazione dei segnali nascosti e per previsioni di mercato estremamente puntuali, in grado di limitare al massimo i rischi nelle operazioni. Va peraltro rilevato come sia adatto anche a investitori non proprio esperti, oltre ad essere compatibile con la maggior parte delle piattaforme.
Infine Easy Autotrading, software imperniato su un algoritmo estremamente innovativo, tale da rivelarsi un vero e proprio assistente di qualità, capace di guidare passo dopo passo nell’analisi. A renderlo ancora più accattivante, è la mancata necessità di dover procedere al download.

Categorie: Blog